Pages

giovedì 3 marzo 2011

Dell'amicizia e di altri orizzonti

Sarà lo studio, sarà lo stress dell'esame posticipato, sarà che ho voglia di riprendermi un pò di tempo per me, ma in questi giorni sto riconsiderando alcuni aspetti della mia vita...Parolooona!!  Tra un capitolo ed un altro, rivedo facce e sorrisi, sguardi simpatici e sguardi falsetti, occhi furbi e mani calorose, insomma è come se stessi rincontrando la gente che ho conosciuto in questi anni...E sapete una cosa? Sono sempre stata sincera con chi non lo meritava mentre ho sottovalutato amicizie che sarebbero potute crescere... Il dado è tratto...o knorr? Boh, dipende! In ogni caso, assumere un atteggiamento critico verso il passato adesso non serve a niente, mentre il percorso che voglio intraprendere è diverso: vorrei capire cosa mi ha portata ad essere così diffidente, quali sono state gli intoppi  e quali i miei errori.... Un mio amico un giorno mi disse: "Non devi essere te stessa con tutti, perchè non tutti lo meritano!"...Peccato che allora non diedi peso alle sue parole e non mi sofferami sull'importanza di quell'amicizia...
Ho passato un periodo della mia vita (moooooooolto lungo) in cui svalutavo tutto ciò che mi riguardava, proprio perchè la stima in me stessa era inesistente...In nome di quella disistima ho commesso errori, come dire...errori di valutazione...Non  avevo capito che se non ero io a credere in me stessa, nessuno l'avrebbe fatto... Una canzone di Ligabue dice "...tu hai provato a parlare, ma non sentiva nessuno...!" Probabilmente nessuno sentiva...Mah! Ho conosciuto amici che forse sarebbero stati pronti ad ascoltarmi mentre io non ero pronta a recepire la loro amicizia, così come ho creduto in amicizie che vedevo solo io... E per fortuna me ne sono accorta in tempo...
"Manager di se stessi"..Ecco cosa si dovrebbe imparare ad essere! Vado a comprare un paio di scarpe comode..che di strada ce n è ancora da fare!



17 commenti:

  1. io mi dico sempre sta volta ho imparato dai miei errori... ma non è vero.. non sempre è così...
    l'importante è credere sempre in noi stessi e in quello che facciamo....

    RispondiElimina
  2. Chissà, forse servono queste riflessioni, più per aggiustare il tiro che per non commettere più errori...

    RispondiElimina
  3. Comunque sono riflessioni che di tanto in tanto dovremmo fare tutti.
    Ti ho "scoperta" da Mariabei. Trovo il tuo blog molto intenso e mi piace la tua sensibilità.
    pero di non dispiacerti, mettendomi tra i tuoi lettori...
    Un abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  4. hai detto una sacro santa verità... se non crediamo prima noi in noi stessi gli altri non lo faranno sicuramente....

    anche io ho scritto un post sull'amicizia.. e le sue evoluzioni

    http://girogirogitondo.blogspot.com/2010/07/giri-strani.html

    RispondiElimina
  5. @lara: sono molto contenta che tu sia tra i miei lettori! Benvenuta!!
    @bussola: ciao bussola, vengo a leggere il tuo post!

    RispondiElimina
  6. Bè, io di amicizie ne ho una vasta esperienza, ecco cosa ho imparato: non demordere mai; quando una persona sembra lasciarti da parte per stare con un'altra, a volte basta lottare un po'. Io alle elementari, pensa un po', avevo una amica che è sempre andata dietro ad altre bambine, mentre a me mi lasciava sempre per seconda! Pensa che ora è una delle mie migliori amiche! Anche se bisogna sempre stare attenti che le persone non ti lascino da parte proprio perchè non gliene importa di te!

    http://folliedimakeup.blogspot.com/

    RispondiElimina
  7. Ciao Lolly... Alle elementari eravamo solo due bambine e quindi o sceglieva me o c'erano i maschietti dispettosi:-D
    Un bacio e grazie di essere passata...

    RispondiElimina
  8. le scarpe comode mi sembrano un'ottima decisione :)
    e dunque buon cammino!
    e grazie, strada facendo, di essere passata anche a trovare me, e avermi lasciato parole gentili.
    a presto!

    RispondiElimina
  9. Ciao Tiziana! E' stato un piacere bere un tè nel tuo blog, assaporando un pò dei colori della vita...

    RispondiElimina
  10. La verità è che il dado è proprio Knorr, non è mai tratto!!

    Hai fatto una giusta riflessione ;)

    Piacere di rileggerti,

    Alice.

    RispondiElimina
  11. Ciao Alice...Ottimo quello dell Knorr!

    RispondiElimina
  12. ciao! ho aperto un giveaway sul mio blog! partecipa se ti va!!ti lascio i due link:
    http://claudiadituttounpo.blogspot.com/2011/03/ecco-qua-il-mio-1-giveaway.html

    e questa è una piccola variazione:
    http://claudiadituttounpo.blogspot.com/2011/03/giveaway-piccola-variazione-leggete.html

    RispondiElimina
  13. Mi sono iscritta al tuo blog..adoro ciò che scrivi e su questo post ti do pienamente ragione!
    Brava!

    Un bacione
    www.loverofbeauty.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. Sono contenta che il mio blog vi piaccia!;-D

    RispondiElimina
  15. Ti capisco cara, purtroppo si da tanto sempre e comunque alle persone sbagliate. Non è che siamo sadiche, è piuttosto voglia di seminare del bene dove questo non nasca spontaneo, voglia di sentirsi accettati da tutti con ogni mezzo possibile. Errore, dobbiamo essere solo noi ad accettarci ed a volerci bene, il resto vien da se!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  16. Ciao cavalletta! Parole sante!!

    RispondiElimina