Pages

martedì 3 dicembre 2013

Waiting for Christmas...(+ "Cosa c'era nella mia borsa?")

Salve! Siete anche voi in attesa del Natale? Come ogni anno, ogni inizio di Dicembre vi è almeno un post, qui sul blog, in cui vi racconto il mio personalissimo "waiting for Christmas". Si, perchè adoro molto di ciò che il Natale porta con sè ed in particolar modo l'attesa delle festività, la cura nell'acquisto dei regali, l'atmosfera che mi fa ricordare i tempi in cui tutto era più semplice ed io, bimba sognatrice, mi crogiolavo nelle mie fantasie! Avete presente i bambini di oggi? Ecco, io ero esattamente l'opposto: fiabe, racconti, la "barbie con 100 cose" mi facevano compagnia a casa dei nonni mentre i primi smalti trasparenti e gli specchietti già facevano capolino dalla prima borsetta a  riprova che il genere femminile germogliava dentro di me. La prima borsetta fu un regalo di mia madre, acquistata al mercato settimanale: una classica forma a secchiello, di color vinaccia scuro ed un piccola pietra al centro, proprio lì dove stava la chiusura (sto parlando della fine degli anni 80/ inizio anni 90). Quanto l'ho amata! Mi sentivo una "donnina" ora che potevo portare con me il racconto che stavo leggendo, il burrocacao, il pettinino e lo specchietto: ecco il "cosa c'era nella mia borsa?".
L'albero di Natale mi ricorda anche quei momenti, fatti di piccole cose e pregni di serenità!

 


Mia nonna dedicava sempre molto tempo alla preparazione dell'albero che, in casa sua, era sempre gigantesco, e del presepe, per non parlare dei dolcetti al cioccolato o al pistacchio.... Che bontà! Mio nonno era invece il "raccontastorie" della famiglia: gli aneddoti di un ragazzino dal nome impronunciabile che combinava tante marachelle e che (... e chissà perchè) veniva sempre rimproverato da una suora, mi hanno accompagnato per molti pomeriggi. Nonno Filippo era "l'alternativo" della famiglia, quello che voleva farsi la pizza da solo, avendo creato (e qui dovremmo chiedere i diritti!) la pizza-dolce: una focaccia buona e gustosa, delicata come lui.
Potrei riempire pagine e pagine di diario virtuale ma non basterebbe: le emozioni vissute lasciano tracce difficili da cancellare. La mia quotidiana "rendita" di ricordi, in questo periodo dell'anno, fa sentire forte la loro presenza.... in qualunque posto essi siano!
Un bacio a tutti/e dalla vostra Alessia

p.s: Se volete potete iscrivervi anche al mio canale youtube cliccando qui!

6 commenti:

  1. Ciao Ale
    si il Natale stimola in me quell'anima di bambina che spero di non perdere mai, perchè crescere vuol dire dimenticare chi ero e chi ho incontrato, no grazie continuo ad essere Peter Pan. Baci buona giornata Alex

    RispondiElimina
  2. bellissimi i tuoi ricordi dei tuoi Natali da bambina... anche io ho dei bellissimi ricordi di festività passate con mia nonna... anche se lo scettro di albero e presepe rimaneva sempre di mia madre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono ricordi sempre vivi... Un bacio!

      Elimina
  3. carinissimo questo post! anche io ero super contenta quando ho ricevuto la prima borsetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I primordi della mia personale femminilità.... Kiss!

      Elimina